Safer Internet day e Giornata nazionale contro Bullismo e Cyberbullismo

Safer Internet day e Giornata nazionale contro Bullismo e Cyberbullismo

In occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza in Rete (11 Febbraio) e della Giornata Nazionale contro il Bullismo e Cyberbullismo (7 Febbraio), condividiamo alcuni spunti, in parte suggeriti dal Miur, che ognuno di noi può utilizzare per informarsi e sensibilizzarsi sul tema, che i docenti possono utilizzare per le proprie classi e gli studenti in modo autonomo per riflettere sul tema e proteggersi in modo consapevole.

  • Sicurezza in Internet

L’accesso digitale espone i più giovani a un gran numero di opportunità, ma allo stesso tempo anche a una serie di rischi, tra cui l’accesso a contenuti dannosi e la dipendenza da internet, l’adescamento online e la pedopornografia, il cyberbullismo e la violazione della privacy.

Il Safer Internet Day è un evento internazionale promosso ogni anno dalla Commissione Europea, che nasce proprio con l’obiettivo di diffondere tra i giovani un uso più sicuro e responsabile del web. Nel corso degli anni, il Safer Internet Day è diventato un evento di riferimento per istituzioni, organizzazioni e società civile, tanto da arrivare a coinvolgere oltre 100 Paesi.

Lo slogan scelto per l’edizione 2020 – la diciassettesima, che quest’anno sarà l’11 febbraio – è Together for a better internet, cioè “Insieme per un internet migliore”. L’idea è quella di far riflettere ragazzi, docenti e genitori non solo sull’uso consapevole della Rete, ma anche sul ruolo attivo e responsabile che ciascuno può avere nel rendere internet un luogo positivo e sicuro. A livello comunitario la Giornata è coordinata dalla rete Insafe, mentre nei singoli Paesi tutte le iniziative fanno capo ai diversi Safer Internet Center nazionali. (https://www.saferinternet.org.uk/safer-internet-day/2020)

In Italia, il Safer Internet Center è Generazioni Connesse, un consorzio guidato dal Ministero dell’Istruzione che riunisce, fra gli altri, l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenzaSave the Children, la Polizia di StatoTelefono Azzurro, l’Università degli Studi di Firenze e La Sapienza di Roma.

La manifestazione principale, organizzata dal Miur e trasmessa in diretta streaming, (http://generazioniconnesse.it/) si svolgerà presso il Museo Nazionale delle Ferrovie dello Stato di Pietrarsa, Napoli.

Link utile:

  • La giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismodenominata “Un Nodo Blu – le scuole unite contro il bullismo” si terrà il 7 febbraio.

Bullismo e Cyberbullismo sono fenomeni dalle conseguenze dolorose che spesso lasciano tracce profonde in chi ne è vittima a scuola e fuori dalla scuola; sono tematiche fortemente legate tra di loro: se infatti, fino a qualche tempo fa, i bulli agivano solo “fisicamente” ora il bullismo può viaggiare anche sul web. Il contrasto a questi fenomeni può avvenire attraverso tre momenti:

  • CAPIRE
  • INTERVENIRE
  • PREVENIRE

 CAPIRE: siccome alla base di comportamenti aggressivi ci sono spesso emozioni e stati d’animo negati, capire significa lavorare sull’ascolto, sul riconoscimento delle emozioni positive e negative, sulla capacità di esplicitarle a parole, sul coraggio di condividerle senza paura.

 INTERVENIRE: significa essere attenti osservatori delle dinamiche e delle relazioni, per essere pronti a cogliere i segnali di disagio affrontando il problema in modo rapido ed efficace.

 PREVENIRE: significa guidare i ragazzi a star meglio con sé stessi per poter gestire con serenità le proprie emozioni, lavorando sul rispetto reciproco e sull’accettazione delle differenze.

 Link Utili: 

–        MIUR – spot  “Un nodo blu, campagna per la Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo a scuola (https://www.noisiamopari.it/site/it/giornata-nazionale-contro-il-bullismo-e-cyberbullismo/)

–        Croce Rossa Italiana – Giornata contro Bullismo e Cyberbullismo. I consigli di Croce Rossa (https://www.cri.it/giornata-nazionale-contro-cyberbullismo)