CODICE ETICO E MODELLO

Il Consiglio di Gestione di Fondazione A.I.B. in data 1° aprile 2015 ha deliberato:

di adottare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo di Fondazione A.I.B. con gli allegati Codice Etico e Catalogo dei Reati;

–  di confermare l’incarico ai membri dell’OdV in essere, nominandone il Presidente.

Il Codice etico – ovvero il documento ufficiale approvato dai vertici societari e comprendente l’insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità della società nei riguardi dei propri portatori d’interesse – esprime i riferimenti etici e deontologici ai quali la società s’ispira, richiamandone l’osservanza da parte di tutti coloro che vi operano per il conseguimento degli obiettivi aziendali.

Consulta il Codice Etico
Modello Organizzativo Parte Generale

DISCIPLINA DELLE EROGAZIONI PUBBLICHE ex art.1 c.125-129 L.124/2017

 

FONDAZIONE A.I.B.  – WHISTLEBLOWING

Segnalazione di illeciti all’ODV di Fondazione A.I.B.

Il cosiddetto “whistleblowing” (da to blow the whistle, letteralmente “soffiare il fischietto”) assume particolare rilevanza in Italia con l’entrata in vigore della legge n. 179 del 30 novembre 2017 destinata a tutelare il lavoratore che segnali attività illecite delle quali sia venuto a conoscenza nell’ambito del rapporto di lavoro, di collaborazioni esterne o di prestazioni d’opera/servizi in essere o concluse.
Il sistema legislativo era già intervenuto sul settore pubblico con la normativa anticorruzione del 2012 e in particolare con l’art. 54-bis del D.Lgs. 165/2001 sul pubblico impiego. Ma con la legge n.179/2017, vengono introdotte le prime forme di tutela nel settore privato per il whistleblower (segnalante) per il quale vale la nullità del licenziamento ritorsivo e di ogni altra misura discriminatoria.
Enti e aziende che abbiano adottato il MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO previsto dal D.lgs 231/2001, devono d’ora in poi prevedere specifici canali per la segnalazione di condotte illecite, di cui almeno uno idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità del segnalante.
Fondazione A.I.B. ha perciò introdotto una modalità di segnalazione illeciti anonima e non tracciabile che faccia pervenire al proprio Organismo di Vigilanza qualsiasi comunicazione utile a identificare condotte o fatti illeciti.

Lo strumento FondazioneAIB – Whistleblowing di seguito compilabile non sostituisce, ma completa l’esistente modalità di comunicazione tramite email a odv@fondazioneaib.it, canale che mantiene la sua utilità nel consentire un dialogo tra le parti, nonché aggiornamenti e integrazioni delle comunicazioni inviate.

In entrambi i casi le segnalazioni devono essere circostanziate, effettuate in buona fede e complete di elementi utili a consentire le necessarie verifiche, quali una chiara e completa descrizione dei fatti; delle circostanze di tempo e di luogo; delle generalità o altri elementi utili ad identificare gli autori degli illeciti.